Ita | Eng
Shipping and Transport news from Northern Adriatic Sea

Decreto legge “destinazione Italia”: tre i progetti inviati a Roma dall’autorità portuale di Trieste

TRIESTE - L’Autorità Portuale ha inviato gli studi di fattibilità di tre interventi infrastrutturali destinati al miglioramento della competitività del porto di Trieste, a seguito della pubblicazione del Decreto Legge “Destinazione Italia” dello scorso 23 dicembre. Nel 2013 il porto di Trieste, dopo un biennio 2011-2012 di graduale ripresa e segno positivo ha ulteriormente rafforzato la propria posizione in termini

di volume complessivo di merci in transito, con circa 56 milioni di tonnellate – a dati di preconsuntivo – rispetto ai 49,2 del 2012, registrando un incremento del 15,11%, che vale la prima posizione a livello nazionale e la decima tra i primi 20 grandi porti d’Europa. Ciò caratterizza sostanzialmente la funzione prevalente del Porto Franco Internazionale di Trieste, unico scalo italiano che esplica una rilevante funzione di transito (74% del totale) di merci in importazione ed esportazione da e per il mercato europeo, ruolo che oltre a produrre valore aggiunto ed entrate in termini di servizi, tasse portuali e di ancoraggio, valorizza fortemente anche sul piano strategico il sistema portuale nazionale e qualifica Trieste come il gate marittimo di accesso ai mercati del Centro-Est Europa. Nel contesto del vigente Piano Operativo Triennale, emerge la necessità di dar vita a nuovi interventi infrastrutturali con precise priorità di intervento, alla luce dell’incremento tendenziale dei principali comparti del traffico, delle nuove alleanze strategiche dei grandi vettori marittimi oceanici nel bacino del Nord Adriatico (P3) e dell’andamento delle economie emergenti dell’Est Europa. Questi, in particolare, i progetti sui quali si intende concentrare l'attenzione: riqualificazione Molo VII e ampliamento terminal container del Punto Franco nuovo, nuova piastra ferroviaria di Trieste Campo Marzio e opere di rifacimento della viabilità interna e infrastrutturali del Porto Vecchio.